ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CULTURA CLASSICA DELEGAZIONE DI TARANTO <<ADOLFO FEDERICO MELE>>
     ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CULTURA CLASSICADELEGAZIONE DI TARANTO <<ADOLFO FEDERICO MELE>>

 

Si è concluso il V Ἀγὼν Ταραντῖνος / certamen Tarentinum (gara di traduzione dal greco; autore: POLIBIO) Sabato 5 aprile 2014, con la cerimonia di premiazione nel salone degli Specchi del Palazzo di Città di Taranto.

Prima della premiazione, il prof. Corrado Petrocelli, ex rettore dell'Università di Bari "Aldo Moro" ha tenuto una brillante conferenza su "Polibio polemografo".

Quindi, sono stati premiati i vincitori:

1° premio: Nicole SPALLINA, Liceo Classico "Aristofane" di Roma;

2° premio: Simona OLIVIERI, Liceo Classico "Archita" di Taranto;

3° premio: Beatrice NICOLETTI, Liceo Classico "A. Racchetti" di Crema.

Il primo premio è stato elargito dall'Associazione Lions Club Taranto Aragonese e consegnato dal Presidente dell'Associazione, Dott. Giuseppe Mazzarino; il secondo e il terzo premio sono stati elargiti dal Liceo Classico "Archita" di Taranto. 

Al V Ἀγὼν Ταραντῖνος hanno partecipato alunni del penultimo e dell'ultimo anno dei licei classici, provenienti dal Veneto (Padova), dalla Lombardia (Crema), dall'Emilia-Romagna (Bologna), dal Lazio (Roma), dalla Puglia (Taranto, Gioia del Colle, Sannicandro Garganico, Massafra, Martina Franca), dalla Calabria (Locri). E' venuta meno la prevista partecipazione delle alunne di Siracusa.



Polibio, nel distinguere tra fenomeni naturali e fatti umani, critica coloro che, per spiegarli, chiamano sempre in causa la divinità o la sorte.

 

Ἐγὼ δὲ νῦν βούλομαι περὶ τούτου τοῦ μέρους διαστείλασθαι καθ' ὅσον ὁ τῆς πραγματικῆς ἱστορίας ἐπιδέχεται τρόπος. Ὧν μὲν νὴ Δί' ἀδύνατον ἢ δυσχερὲς τὰς αἰτίας καταλαβεῖν ἄνθρωπον ὄντα, περὶ τούτων ἴσως ἄν τις ἀπορῶν ἐπὶ τὸν θεὸν τὴν ἀναφορὰν ποιοῖτο καὶ τὴν τύχην, οἷον ὄμβρων καὶ νιφετῶν ἐξαισίων ἐπιφορὰ συνεχής, ἢ τἀναντία πάλιν αὐχμῶν καὶ πάγων καὶ διὰ ταῦτα φθορὰ καρπῶν, ὁμοίως λοιμικαὶ διαθέσεις συνεχεῖς, ἄλλα παραπλήσια τούτοις, ὧν οὐκ εὐμαρὲς τὴν αἰτίαν εὑρεῖν. Διόπερ εἰκότως περὶ τῶν τοιούτων ἀκολουθοῦντες ταῖς τῶν πολλῶν δόξαις διὰ τὴν ἀπορίαν, ἱκετεύοντες καὶ θύοντες ἐξιλασκόμενοι τὸ θεῖον, πέμπομεν ἐρησόμενοι τοὺς θεοὺς τί ποτ' ἂν ἢ λέγουσιν ἢ πράττουσιν ἡμῖν ἄμεινον εἴη καὶ γένοιτο παῦλα τῶν ἐνεστώτων κακῶν. Ὧν δὲ δυνατόν ἐστι τὴν αἰτίαν εὑρεῖν, ἐξ ἧς καὶ δι' ἣν ἐγένετο τὸ συμβαῖνον, οὐχί μοι δοκεῖ τῶν τοιούτων δεῖν ἐπὶ τὸ θεῖον ποιεῖσθαι τὴν ἀναφοράν. Λέγω δ' οἷον οὕτως. Ἐπέσχεν ἐν τοῖς καθ' ἡμᾶς καιροῖς τὴν Ἑλλάδα πᾶσαν ἀπαιδία καὶ συλλήβδην ὀλιγανθρωπία δι' ἣν αἵ τε πόλεις ἐξηρημώθησαν καὶ ἀφορίαν εἶναι συνέβαινε, καίπερ οὔτε πολέμων συνεχῶν ἐσχηκότων ἡμᾶς οὔτε λοιμικῶν περιστάσεων. Εἴ τις οὖν περὶ τούτου συνεβούλευσεν εἰς θεοὺς πέμπειν ἐρησομένους τί ποτ' ἂν ἢ λέγοντες ἢ πράττοντες πλείονες γινοίμεθα καὶ κάλλιον οἰκοίημεν τὰς πόλεις, ἆρ' οὐ μάταιος ἂν ἐφαίνετο, τῆς αἰτίας προφανοῦς ὑπαρχούσης καὶ τῆς διορθώσεως ἐν ἡμῖν κειμένης;

 

Polibio, XXXVI, 17

 

Questionario

  1. Riassumi brevemente il contenuto del brano.

  2. Osservazioni sulla sintassi e sullo stile di Polibio.

  3. Definisci il concetto di “storia pragmatica” per Polibio anche alla luce del presente brano.

  4. Chiarisci il ruolo che la divinità e la τύχη rivestono nella storiografia polibiana.

  5. Hai altre notizie sulla “oligantropia” nella Grecia ellenistica?

 

 

Durata della prova: 5 (cinque) ore. È consentito l'uso del dizionario di greco.

 

 

SIMONA GRECISTA "DOC"

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Francesca Poretti Via Lucania 166 74121 TARANTO