ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CULTURA CLASSICA DELEGAZIONE DI TARANTO <<ADOLFO FEDERICO MELE>>
     ASSOCIAZIONE ITALIANA DI CULTURA CLASSICADELEGAZIONE DI TARANTO <<ADOLFO FEDERICO MELE>>

TRADUZIONE DEL TESTO DATO AL III CERTAMEN TARENTINUM  

Prof. Adolfo Mele, Presidente della Delegazione tarantina dell'AICC        

PLUTARCO, Vita di Nicia, 28, 1 – 4. 

Nel corso di un’assemblea generale dei Siracusani e dei loro alleati, il capo democratico  Euricle presentò la proposta scritta di considerare in primo luogo sacra la ricorrenza del giorno in cui avevano catturato Nicia, con la celebrazione di sacrifici e astenendosi dal lavoro, e di chiamare la festa Asinaria, dal nome del fiume. Il giorno era il 26 del mese Carneo, che gli Ateniesi chiamano Metagitnione. Quanto poi agli Ateniesi, (propose ancora) di vendere i loro schiavi e gli altri alleati, ma di tenere invece prigionieri loro e gli alleati provenienti dalla Sicilia, gettandoli nelle cave di pietra, esclusi i generali, che dovevano essere messi a morte. Mentre i Siracusani procedevano all’approvazione delle proposte suddette, Ermocrate, che aveva fatto presente che più del vincere vale il saper fare buon uso della vittoria, fu accolto da una chiassosa e scomposta protesta. Quando poi Gilippo cercò di chiedere di poter trasferire a Sparta vivi i generali degli Ateniesi, i Siracusani, resi ormai superbi ed irriguardosi dai loro successi, gli urlarono contro, per altro anche perché durante la guerra non avevano molto tollerato la durezza e l’aria di sufficienza intransigente, da spartano, come dice Timeo, del suo comportamento di consigliere militare straniero e ne avevano giudicato male l’attaccamento al denaro e l’arroganza; malattia morale, questa, ereditaria, a causa della quale sia Cleandrida, suo padre, era stato esiliato per aver ricevuto dei donativi, sia anche lui, in seguito, per aver sottratto dai 1000 che Lisandro avrebbe spedito a Sparta 30 talenti, nascondendoli sotto il tetto della sua casa e per essere stato perciò denunciato, sarebbe stato messo al bando nel modo più vergognoso.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Francesca Poretti Via Lucania 166 74121 TARANTO